Energia: da ottobre gas +5,4%, energia elettrica +1,7%

L’Autorità per l’energia comunica che dal primo ottobre il metano subirà un rincaro del 5,4% (in parte a causa della crisi ucraina) e l’elettricità dell’1,7%.
   Per il gas, avverte l’Autorità nella nota, le tensioni sui mercati legate agli attesi rialzi stagionali della materia prima e alla crisi russo-ucraina hanno determinato l’incremento del 5,4%. In particolare si rileva un aumento della materia prima all’ingrosso (+6,4%) e un aumento degli oneri di stoccaggio (+1,2%). Questo aumento complessivo è stato in piccola parte ammortizzato da una riduzione del -2,2% delle componenti CPR e CCR a copertura delle rinegoziazione dei contratti pluriennali e alle modalità di approvvigionamento decisa dall’Autorità
Per quanto riguarda l’elettricità, invece, si registra un incremento trimestrale dell’1,7%, principalmente a causa del recupero degli scostamenti rispetto alle stime del costo di approvvigionamento della materia prima e della necessità di finanziare alcuni oneri di sistema.
Fra questi rileva, in particolare, la solita componente A3 a copertura degli incentivi alle fonti rinnovabili (+0,4%) e la componente per la messa in sicurezza del nucleare A2 per far fronte alle necessità di gettito relative ai versamenti al bilancio dello Stato (+0,6). Rispetto a questa componente l’Autorità ha anche evidenziato la necessità che vengano attuati i previsti provvedimenti governativi che ne permettono la riduzione.

COMUNICATO STAMPA AEEG 29.09.2014

HAI QUALCHE DOMANDA?
Compilando il seguente form sarai ricontattato da un nostro consulente.

Contattami qui 

Articoli Similari