DdL concorrenza: fine del mercato tutelato dell’energia gas e luce a partire dal 1° luglio 2019

ddl concorrenza2Dopo un iter durato più di due anni è stato approvato il 02 Agosto 2017 in Senato il DdL concorrenza.

Il Disegno di Legge ha confermato la fine del mercato tutelato dell’energia ma soltanto a partire dal 1° luglio 2019. La completa liberalizzazione del Mercato Libero era stata inizialmente prevista per Giugno 2018 ma dopo gli allarmi delle associazioni dei consumatori è slittata di un anno al fine di evitare rincari dei prezzi e per meglio consentire al mercato di svilupparsi sulla base di una concorrenza più sana tra operatori e per i clienti, domestici e piccole imprese.

Il progetto di liberalizzazione totale del mercato dell’energia

Cosa prevede:

  • Liberalizzazione totale del mercato dell’energia e superamento dei prezzi tutelati dal 1° luglio 2019
  • Il potenziamento del Sistema Informativo Integrato, la piattaforma di collegamento tra distributori e fornitori che permette la gestione delle utenze (fatturazione, switching…)
  • Nascita del Portale Pubblico per confrontare le offerte luce e gas. Il sistema informatico per la raccolta e la promozione delle offerte messe a disposizione dai diversi fornitori dovrà essere messo a punto dall’Aeegsi entro il 2019
  • A decorrere dal 1º gennaio 2018, i clienti finali di energia elettrica riforniti in maggior tutela devono ricevere adeguata informativa da parte di ciascun fornitore in relazione al superamento delle tutele di prezzo. Le modalità di tali comunicazioni informative dovranno essere definite nei prossimi mesi dalla stessa Autorità
  • Limiti alla posizione dominantedi alcuni operatori integrati, tramite il brand unbundling. Ad esempio conoscere la distinzione tra Enel Energia, Servizioo Elettrico Nazionale (ex Enel Servizio Elettrico) e e-distribuzione (ex Enel Distribuzione)
  • Possibilità di rateizzare le maxi-bollette di luce e gas dovute a ritardi o disguidi con il fornitore. Il DdL concorrenza introduce l’obbligo di accettare le richieste di rateizzazione degli importi, cosa che in ogni caso non sarà possibile se l’errore riguarda esclusivamente la cattiva condotta del contribuente.
  • Nuovi criteri per accedere al bonus rivolto alle famiglie con disagio economico. Il Ministero dello sviluppo economico dovrà mettere a punto entro 180 giorni dall’entrata in vigore della legge un nuovo decreto con i criteri per l’accesso alle agevolazioni.

In ogni caso il DdL ha disposto una forma di tutela per coloro i quali alla data del 01 luglio 2019 non abbiano scelto alcun fornitore poiché è comunque previsto che l’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico assicuri  il servizio di salvaguardia ai clienti finali domestici e alle imprese connesse in bassa tensione con meno di cinquanta dipendenti e un fatturato annuo non superiore a 10 milioni di euro attraverso procedure concorsuali per aree territoriali e a condizioni che si incentivi il passaggio al mercato libero.

HAI QUALCHE DOMANDA?
Compilando il seguente form sarai ricontattato da un nostro consulente.

Contattami qui 

Articoli Similari